Klaus-Michael Kuehne: esiste un family office?

Klaus-Michael Kuehne: esiste un family office?

Klaus-Michael è il presidente e la maggioranza dell’azienda logistica globale Kuehne + Nagel, fondata da suo nonno August. Nell’ottobre del 2022, Forbes ha stimato il suo patrimonio netto a 25,2 miliardi di dollari, che lo colloca al 52° posto tra le persone più ricche del mondo e tra quelle più ricche della Germania. In questo articolo indagheremo se Klaus-Michael gestisce il suo patrimonio attraverso un family office. Le aziende presentate appartengono alla Elenco dei 700 maggiori Single Family Office europei.

Kuehne gestisce il patrimonio attraverso Kuehne Holding AG, Kuehne + Nagel e la Fondazione Kuehne.

Klaus-Michael è il proprietario di maggioranza di Kuehne + Nagel. Klaus-Michael ha iniziato a lavorare per l’azienda nel 1963 ed è poi diventato amministratore delegato nel 1996. Attualmente Klaus-Michael è il presidente onorario dell’azienda di trasporti globale che ha uffici in oltre 106 Paesi. Kuehne gestisce il suo patrimonio attraverso la Kuehne Holding AG e ha portato a termine investimenti su larga scala attraverso la holding, come una partecipazione del 20% in VTG, una società tedesca di logistica ferroviaria. Nel 2018 la partecipazione è stata venduta a Morgan Stanley Infrastructure per oltre 300 milioni di euro. Klaus-Michael possiede anche il 30% della compagnia logistica Hapag-Lloyd e negli ultimi anni ha rafforzato la sua posizione acquistando immobili e hotel di lusso a Maiorca e Amburgo. Nel 1976, Klaus-Michael e i suoi genitori hanno istituito la fondazione Kuhne per sostenere i talenti emergenti nel campo della logistica e della medicina. La fondazione ha anche sostenuto progetti culturali come festival europei, opere e sale da concerto. Klaus-Michael possiede una quota di minoranza della squadra di calcio tedesca Hamburger SV (HSV) e nel 2021 l’uomo d’affari tedesco ha fatto un’offerta di 120 milioni di euro per aumentare la sua quota al 39,9%, che è stata rifiutata.

Fonte immagine: Unsplash

Comments are closed.