Il cambiamento delle materie prime nell’industria chimica – Cosa c’è dietro?

Il cambiamento delle materie prime nell’industria chimica – Cosa c’è dietro?

L’industria chimica mondiale affronta una grande sfida nei prossimi anni: la maggior parte del valore aggiunto nella chimica si basa su composti di carbonio. Questi composti di carbonio si trovano solo in 3 fonti accessibili: Materie prime fossili, come carbone, gas naturale o petrolio, biomassa o anidride carbonica. Qui, le materie prime fossili rappresentano circa il 15% del totale delle materie prime. Considerando che le materie prime fossili sono finite, stanno diventando sempre più costose, ma anche più rare, con la prospettiva che a medio termine non ci saranno più sufficienti materie prime fossili, specialmente il petrolio greggio, disponibili. Di conseguenza, l’industria chimica deve fare nuovi accordi e utilizzare maggiormente altre fonti. Questo articolo è basato sull’unico Top 600 aziende chimiche Germania – Elenco delle più grandi aziende chimiche.

Sostituzione graduale del petrolio greggio

Dato che l’integrazione del petrolio greggio nell’industria chimica (tedesca), in particolare nell’industria petrolchimica, è così radicata, ci vorrà un po’ prima che il petrolio greggio non sia più la principale materia prima. È probabile che il petrolio greggio sarà inizialmente sostituito dal gas naturale, anche se l’industria deve ancora affrontare una serie di sfide – perché finora non è stato ancora possibile convertire il gas naturale direttamente in prodotti finiti. Il carbone sarebbe quindi un possibile punto di partenza, ma durante la lavorazione viene prodotta molta anidride carbonica. Di conseguenza, in vista del cambiamento climatico, sono più sostenibili altre opzioni come l’espansione dei flussi laterali dell’industria alimentare e dei mangimi o il trattamento della biomassa. La soluzione più a lungo termine e rispettosa del clima potrebbe anche essere la produzione di idrogeno rinnovabile senza emissioni di anidride carbonica, che può essere ottenuto, per esempio, dall’elettrolisi dell’acqua delle energie rinnovabili.

Le startup dirompenti come pionieri

Come in quasi tutte le industrie, per farsi un’idea delle idee e delle soluzioni innovative, vale la pena dare un’occhiata all’industria delle startup. Una startup molto promettente è Opus-12. La startup californiana ha sviluppato una tecnologia attraverso la quale la CO₂ può essere riciclata in vari prodotti chimici/combustibili usando solo acqua ed elettricità. Questo può ridurre contemporaneamente le emissioni nell’atmosfera e produrre in modo sostenibile le sostanze chimiche di cui c’è bisogno. Un altro esempio di modello di business di successo è l’azienda finlandese Neste – Neste produce vari prodotti rinnovabili, tra cui un carburante diesel fatto da risorse rinnovabili al 100%.

Fonte: Dechema, 26.04.2021 Fonte dell’immagine: Unsplash

Potrebbero piacerti queste liste di grandi aziende e investitori:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *