L’azienda chimica di Bochum sostiene l’idrogeno verde

L’azienda chimica di Bochum sostiene l’idrogeno verde

Si prevede che l’idrogeno come vettore energetico avrà un grande futuro. Potrebbe prendere il posto dei combustibili fossili – per esempio nel riscaldamento, nella propulsione delle auto o nel funzionamento delle macchine. Tuttavia, la produzione di idrogeno è ancora basata principalmente sui combustibili fossili. L’idrogeno diventerà veramente “verde” solo quando sarà prodotto da energie rinnovabili. Questa è la direzione in cui la compagnia petrolifera BP vuole svilupparsi nel suo sito di raffinazione a Lingen, nella regione dell’Emsland. Questo articolo si basa sull’unico Elenco delle 600 maggiori aziende chimiche in Germania.

Dal 2024 almeno il 20% di idrogeno verde

L’idrogeno è già prodotto a Lingen. Il gas naturale viene utilizzato come fonte di energia. Nel corso della prevista conversione all’idrogeno verde, un primo 20% della “produzione” sarà prodotto utilizzando l’elettricità proveniente da parchi eolici offshore nel Mare del Nord. A medio e lungo termine, questa percentuale salirà al 100 per cento. Per produrre idrogeno verde, sarà inizialmente necessario un elettrolizzatore da 50 megawatt con l’infrastruttura associata. L’impianto dovrà essere messo in funzione al più tardi entro il 2024 e sarà quindi in grado di produrre fino a una tonnellata di idrogeno verde all’ora. In una seconda fase, un impianto da 150 MW è concepibile come fase di espansione. E se a un certo punto i carburanti sintetici dovessero diventare ampiamente utilizzati anche nell’aviazione, si potrebbe addirittura arrivare a 500 MW.

La compagnia petrolifera britannica BP – ex British Petroleum – è un gigante globale dell’energia. In Germania, la BP ha la sua sede centrale a Bochum. Per il progetto Lingen, BP collabora con l’azienda energetica danese Oersted. L’azienda, fondata nel 1972, è considerata leader del mercato mondiale dell’energia eolica offshore. Tra le altre cose, Oersted gestisce diversi parchi eolici a nord di Borkum e Norderney con i nomi “Borkum Riffgrund” e “Gode Wind”.
Fonte:: Solar Server Fonte dell’immagine: Unsplash

Potrebbero piacerti questi elenchi di grandi aziende e investitori:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *